Per contrastare il gioco d'azzardo di massa,
per informare su leggi e normative,
per promuovere la cultura del buon gioco

4 marzo 2015

Fermiamo il Decreto fiscale sull’azzardo. Firma anche tu!

In queste ore potrebbe essere approvata dal Governo la bozza di decreto legislativo sull’azzardo elaborata dal Mef. Si tratta di un provvedimento che rischia di vanificare anni di lavoro comune e l’impegno di società civile e enti locali di questi anni e a cui è opportuno dire no.

Per questo Movimento No Slot e Vita hanno lanciato una petizione su Change.org, rivolta al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, perché fermi l’approvazione del decreto legislativo. 

I “no” che il Movimento No Slot oppone alla legge non sono mera reazione, ma attestazione di una posizione che rivendichiamo con fermezza e coerenza:

1) No a ogni forma di pubblicità diretta o indiretta dell’azzardo;

2) No alla tassazione di scopo: non si finanzia il sociale con un prelievo diretto sull’azzardo. La tassazione va diretta alla fiscalità generale;

3) No alla limitazione del potere di Regioni, sindaci, assessori comunali di intervenire per definire distanze da luoghi sensibili o orari di chiusura di sale gioco e simili, in ragione della loro conoscenza del territorio e delle problematiche di ordine pubblico e sociale;

4) No alle dichiarazioni di principio del tipo “ritireremo 100.000 macchinette”. Serve una norma chiara e precisa che indichi modalità, tipologia e tempistica del ritiro.

Per questo vi chiediamo di sostenere questa inziaitiva e di firmare tutti la petizione

blogger

Simone Feder

No Slot

Psicologo, lavora da anni nelle strutture della comunità Casa del Giovane
[vai al blog]

Marco Dotti

Seconda Classe

Redattore del mensile Communitas e di Vita. È docente di Professioni dell'Editoria presso l'Università di Pavia.
[vai al blog]

Marcello Esposito

Economica*mente

Dirigente assicurativo. Dal 1990 al 2000 è stato economista presso l'Ufficio Studi della Banca Commerciale Italiana. È professore a contratto di International Financial Markets presso l'Università C.Cattaneo, Castellanza.
[vai al blog]