Tutti gli articoli del canale Vita

Procuratore generale di Brescia: l’azzardo è un cavaliere dell’Apocalisse in mano alle mafie

Azzardo

Per l’inaugurazione dell’anno giudiziario, il Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Brescia ha usato un’immagine forte: «quattro cavalieri dell’Apocalisse» che aggrediscono la nostra comunità. Sono: femminicidio; gioco d’azzardo; traffico di rifiuti; reclutamento jihadista. La rete dell’azzardo legale usata per il riciclaggio è oramai al centro delle preoccupazioni delle Procure italiane

Azzardo di Stato: sul "Governo del cambiamento" pesa l’ombra lunga della "bozza" Baretta

Governo Conte 1528373085444

Nei cinque articoli previsti sull’azzardo dall’ultima bozza del “Decretone” il Governo tenta di dare una stretta al fenomeno. Ma le norme vanno lette in “combinato disposto”: così scopriamo che per contrastare la raccolta illegale il coordinamento di un “piano straordinario” di emersione del nero viene assegnato all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ovvero all’Ente di scopo cui è affidato di promuovere l’azzardo di massa

Azzardo, c’è un buco nella rete. Nomisma: il il 10% dei minorenni gioca

Gratta & Perdi

Si parla tanto di legalità da parte degli operatori del gioco lecito, ma tutte le ricerche convergono oramai su un punto: gran parte dei minorenni gioca d’azzardo. Prevalentemente ai gratta & vinci. C’è un problema enorme con la rete di distribuzione: permeabile, con scarsi controlli e pochissime sanzioni

Azzardo, c’è un buco nella rete. Nomisma: il 10% dei minorenni gioca

Gratta & Perdi

Si parla tanto di legalità da parte degli operatori del gioco lecito, ma tutte le ricerche convergono oramai su un punto: gran parte dei minorenni gioca d’azzardo. Prevalentemente ai gratta & vinci. C’è un problema enorme con la rete di distribuzione: permeabile, con scarsi controlli e pochissime sanzioni

Azzardo, c’è un buco nella rete. Nomisma: il 10% dei minorenni gioca

Gratta & Perdi

Si parla tanto di legalità da parte degli operatori del gioco lecito, ma tutte le ricerche convergono oramai su un punto: gran parte dei minorenni gioca d’azzardo. Prevalentemente ai gratta & vinci. C’è un problema enorme con la rete di distribuzione: permeabile, con scarsi controlli e pochissime sanzioni

Azzardo, c’è un buco nella rete. Nomisma: il il 10% dei minorenni gioca

Gratta & Perdi

Si parla tanto di legalità da parte degli operatori del gioco lecito, ma tutte le ricerche convergono oramai su un punto: gran parte dei minorenni gioca d’azzardo. Prevalentemente ai gratta & vinci. C’è un problema enorme con la rete di distribuzione: permeabile, con scarsi controlli e pochissime sanzioni

Giovani e azzardo: i numeri di Nomisma

Gambling 602976 1280

Presentati oggi i dati della ricerca realizzata da Nomisma, in collaborazione con l’Università di Bologna e il Gruppo Unipol. Nel 2018 il 48% dei ragazzi tra i 14 e i 19 anni ha avuto almeno una occasione di gioco, propensione che segnala in modo inequivocabile il fascino che esercita il gioco

L’industria dei videogame chiede all’OMS di riconsiderare il "gaming disorder"

Video Game 2154473 1280

All’inizio del 2018, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito il disturbo da gioco alla sua lista dei disturbi mentali. Nei giorni scorsi, però, l’Entertainment Software Association (ESA), che raggruppa le imprese di videogame e software ludici americane, ha incontrato funzionari dell’OMS a Ginevra chiedendo che la questione venga riconsiderata

Sardegna: approvata la legge regionale no slot

Azzardo JPG

Anche la Sardegna ha la sua legge regionale “no slot”. Lobbysti e affaristi hanno tentato fino all’ultimo di sabotare il dibattito, ma hanno perso. Le macchinette dovranno essere a non meno di 500 metri da scuole, chiede, asili, ospedali, circoli sociali

blogger

Simone Feder

No Slot

Psicologo, lavora da anni nelle strutture della comunità Casa del Giovane
[vai al blog]

Marco Dotti

Seconda Classe

Redattore del mensile Communitas e di Vita. È docente di Professioni dell'Editoria presso l'Università di Pavia.
[vai al blog]

Marcello Esposito

Economica*mente

Dirigente assicurativo. Dal 1990 al 2000 è stato economista presso l'Ufficio Studi della Banca Commerciale Italiana. È professore a contratto di International Financial Markets presso l'Università C.Cattaneo, Castellanza.
[vai al blog]